Ecco il mio primo giretto col kayak da mare, dell’anno scorso. Accompagnato dal amico Marco, parcheggiamo la macchina una rapida occhiata al Tagliamento, quanti bei sassi raccolti per fare mosaici, anche se non si può!  La prima barca che vediamo in mare è un relitto post atomico davvero poco invitante. Sarà il fascino della decadenza ma subito prepariamo i kayak e scivoliamo in acqua appena spenta la sigaretta, e si, spinti sempre dai migliori propositi viviamo anche questa passione non come cultori dello sport e della vita sana,  ma un po’ ed un po’, insomma come meglio ci viene , speranzosi di incontrare kayakkisti con la nostra attitudine jazz  . Fare kayak in fiume è bello ma in mare mi piace molto, farmi sballottare dalle onde, a volte cullare dolcemente, e poi quando vuoi fare il bagno scendi e vai, a differenza per esempio dal Livenza che di solito è un po’ più freddina. Così quando ci siamo fermati per la prima pausa, beh un piccolo bagnetto me lo sono fatto! mentre eravamo sdraiati sulla sabbia a goderci il sole e le prime impressioni sul kayak e sul mare, facciamo passare quel retrogusto di sale che ti rimane in bocca col il vino rosso portato da Marco, anche questa non mi sembra poi una brutta abitudine, però meglio non esagerare che già mi vedo alla deriva in mare aperto, vinto dal tutto . Ripartiamo e la meta ora e la punta di Lignano Sabbiadoro di fronte all’isola della Marinetta, la fatica si fa un po’ sentire ma quando ci arriviamo e ci mescoliamo ai primi turisti della stagione mi sento bene, estate. Spiaggiati come balene con i nostri kayak  vicini progettiamo il prossimo giro nel isola di fronte, esplorare zone normalmente poco battute è un buon stimolo per la nostra curiosità e voglia di uscire per un po’ da questa ruota da criceto in cui ci sembra di vivere. Il ritorno è stato duro, Marco mi stava davanti cercando di stimolare la mia combattività che era ormai alla frutta, prossima volta qualche stimolante nella cassetta delle emergenze mannaggia  !! Arrivati verso la macchina sono veramente vinto dalla stanchezza, ma il mio primo giretto col mio kayak da mare mi è piaciuto molto, forse dovrò mettermi un po’ in forma ma il mare rivedrà le nostre brutte facce e la schiena dei nostri kayak. 

Happy